Fondazione Architetti Treviso

Presentazione

La Fondazione Architetti Treviso (FATV) nasce nell’ottobre del 2000 per volontà dell’Ordine degli Architetti di Treviso come strumento operativo idoneo ad affrontare la crescente complessità del “fare” la professione, per dare una risposta qualificata alla crescente esigenza di formazione continua e di aggiornamento degli Architetti, Paesaggisti, Pianificatori e Conservatori e per promuovere la cultura architettonica e del paesaggio, oltre al ruolo del progetto presso il vasto pubblico e le Amministrazioni.

La Fondazione non ha scopo di lucro ed esercita la propria pubblica utilità sociale nella valorizzazione della disciplina dell'architettura e della professione di Architetto, nella tutela e valorizzazione del paesaggio, attraverso la promozione e la diffusione della cultura del progetto architettonico, urbanistico, paesaggistico ad alta sostenibilità.
La Fondazione è stata riconosciuta ed accreditata dalla Regione Veneto, nonché dal Consiglio Nazionale Architetti PPC come Ente Terzo autorizzato allo svolgimento dei corsi di formazione – di cui abbia richiesto l’accreditamento – con l’erogazione di specifici crediti formativi.

Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione, il Comitato tecnico-scientifico, il Comitato tecnico-economico ed il Revisore dei conti sono nominati dal Socio fondatore, il Consiglio dell’Ordine in carica.

La Fondazione ha un bilancio autonomo, vigilato dal Comitato tecnico-economico e dal collegio dei Revisori, e al cui equilibrio concorrono, con propri contributi, il Socio fondatore, sostenitori o privati che abbiano usufruito dei suoi servizi, ovvero enti pubblici.
FATV realizza i suoi obiettivi statutari di concerto con l’Ordine professionale, pur nella piena autonomia gestionale, con la riqualificazione continua delle competenze professionali, mediante:

  • l'organizzazione di corsi, seminari, workshop di formazione ed aggiornamento, sia frontali che in streaming o Fad;
  • l'organizzazione di eventi culturali, mostre e la partecipazione al confronto pubblico;
  • la promozione e la divulgazione di studi e ricerche;
  • lo studio dei nuovi ruoli e servizi che caratterizzano l'attività propria del progettista;
  • l'istituzione e il sovvenzionamento di borse di studio;
  • l'organizzazione, per conto di terzi pubblici o privati, di concorsi di progettazione o di idee;
  • l'organizzazione di visite e viaggi di studio.

 

Il Consiglio di Amministrazione